Wellness Oasi

Pedicure

Stampa

La bellezza dei nostri piedi deve essere considerata sotto due aspetti ugualmente importanti: il primo è di natura strettamente estetica, il secondo di carattere fisico.

I piedi sono spesso molto trascurati e dedichiamo alla loro cura pochissimo tempo tralasciando il fatto che, oltre ad essere una parte del corpo che può avere il suo fascino é inoltre fonte di estremo benessere psicofisico.

Le cause principali di disturbi ai piedi sono l’uso di calzature non appropriate e la mancanza di cura. Questi due elementi sono quindi fonte di problemi, e quelli più comunemente riscontrati sono piedi stanchi e caviglie gonfie, calli, micosi e unghie incarnate. La scelta sbagliata di una calzatura può provocare fastidi che possono ripercuotersi oltre che sui piedi, anche su altre parti del nostro corpo come ad esempio la schiena. I tacchi eccessivamente alti, le scarpe a punta e le scarpe a pianta stretta costringono il piede a posizioni scorrette e a dita schiacciate l'un l'altra, e questo é spesso e volentieri causa di formazione di calli e duroni.

I calli, insieme a vesciche, verruche e funghi, sono tra i segnali più comuni del malessere dei piedi! Al contrario delle verruche o dei funghi, i calli non sono originati da infezioni virali, essi sono delle ipercheratosi, ossia dei semplici ispessimenti della pelle dovuti a un'aggressione prolungata, a uno sfregamento o a una compressione eccessiva sulla cute.

Sebbene difficili da evitare, le pressioni sulle superfici colpite, andrebbero ridotte e se possibile ridistribuite. Se non si elimina immediatamente, l'ispessimento della pelle interessata può intensificarsi sempre più, fino a spingere i tessuti sottocutanei sempre più in profondità, fino alle terminazioni nervose.

Lo stato dei nostri piedi non riguarda quindi ovviamente solo l'aspetto estetico ma anche il nostro benessere globale dato che su di essi grava il peso e l’equilibrio muscolo-scheletrico del nostro corpo.

Ricordi! La cura dei piedi non é importante solo d'estate o quando si indossano scarpe aperte e sandali, al contrario é fondamentale tutto l'anno. Quindi non aspetti l'arrivo della bella stagione per avere piedi belli e curati!

Domande Frequenti Pedicure

Clicchi sulla domanda di suo interesse per visualizzare o nascondere la relativa risposta.

  1. Come si può combattere il gonfiore ai piedi e alle caviglie, soprattutto in estate ?

      A causa delle temperature elevate di questo periodo è normale avere, soprattutto a fine giornata, piedi e caviglie un po’ gonfie. Un rimedio può essere la ICE-Terapy ovvero pediluvi in acqua molto fredda (con qualche cubetto di ghiaccio) e acqua molto calda, in alternanza, 1 minuto in ciascuna per 6-7 volte. Importante è iniziare e concludere la terapia sempre con l'acqua fredda. Questo per agevolare la circolazione sanguinea ed evitare l'insorgenza di gonfiore.

      Un’altra possibilità è quella di applicare più volte al giorno una crema criotonificante. In genere è un prodotto con un'alta concentrazione di estratti vegetali di rapido assorbimento e la sua azione rinfrescante apporta sollievo a gambe gonfie, stanche, con ritenzione idrica.

  2. Cos’è una micosi ?

      È un’infezione da fungo che interessa le unghie, specialmente quelle dei piedi. Si manifesta con un ispessimento dell’unghia e un colore giallognolo-marrone.L’unghia tende a staccarsi dal letto ungueale.
      Spesso è la calzatura a creare le condizioni necessarie di umidità e calore tra le dita dei piedi e la comune attività permette la propagazione dell’infezione.

  3. Cosa si intende per ipercheratosi ?

      L'ipercheratosi è un ispessimento dello strato corneo della cute. Esitono due tipi di ipercheratosi; quella dura e quella molle.

      L’ipercheratosi dura ha un aspetto vetroso, traslucido, giallo sporco ed a volte può presentare macchie nere e brune. È una massa sporgente di tessuto corneo degradante che si perde nei tessuti sani, su di una linea di demarcazione molto chiara. Possono esserci uno o più punti centrali. Si trova principalmente sulla faccia dorsale interfalangea o sotto le teste metatarsali.

      L’ipercheratosi molle ha sede negli spazi interdigitali (tra un dito e l’altro). Sono molli per via delle ghiandole sebacee, il cui grasso le rammollisce dandole un aspetto biancastro. Possono esserci tessuti macerati, spugnosi, molto spessi e circondati da una parte molto spessa a forma di cerchio. Questa forma d’ipercheratosi è spesso molto dolorosa.

  4. Perché compare l’ipercheratosi e come la si può prevenire ?

      Si formano la dove si vengono a creare zone di frizione o pressione continue a causa di scarpe di forma o misura non adatta al piede oppure per colpa di un appoggio non corretto. Diventano dolorose quando lo strato superficiale calloso comprime il derma, cioè lo strato più profondo della cute.

      Per prevenire la comparsa di ipercheratosi è opportuno cambiare le scarpe (se sono troppo strette o di forma inadeguata al piede) o adottare solette che ne migliorino il confort rendendole più adatte al piede (se non troppo larghe).

      Una pedicure fatta una volta al mese presso una specialista nella cura del piede, può prevenire l’insorgenza di questi fastidiosi ispessimenti dello strato corneo della cute.

  5. Quali sono i nomi esatti delle dita dei piedi ?

      Le dita del piede non vengono indicate come le dita della mano ma:
      alluce, secondo, terzo, quarto, quinto.

Copyright © 2005-2008, Wellness Oasi - Tutti i diritti riservati